Ricodando gli studi

Il periodo delle scuole superiori (e successivamente gli eventuali studi universitari) ha lasciato a tutti quanti ricordi fortissimi. Le storie d’amore, le delusioni, i successi, le decisioni importanti da prendere, il diventare indipendenti. E poi le attività extra scolastiche: sport, discoteca, musica e chi più ne ha più ne metta.

High school and college are special periods that leave strong emotions and memories in all of us. Love stories, delusions, successes, important decisions to take, independance… E then the extra curricula activities: sport, disco, music and on and on…

Quindi quando Soma mi ha proposto la partecipazione al suo nuovo Blog hop intitolato “College” sono andata un po’ in tilt. Il college corrisponde all’incirca all’università, e come rappresentarlo vista la vastità di argomenti ed esperienze? Ci ho messo mesi (letteralmente!) a decidere, e poi un sacco di tempo a trovare l’immagine giusta da cui partire. Alla fine ho deciso di rappresentare gli studi scientifici, e per farlo ho usato un microscopio. In giro in rete non ho trovato modelli in paper piecing di microscopi e mi par un tema carino che potrebbe esser utile anche per regali di laurea, pannelli a tema. 

When Soma asked me to partecipate to her new College blog hop I really had a hell of a time deciding what to do. How could I choose what to show? It took months before I managed to decide what to stich, and then choose the right image. In the end I chose a microscope, to represent my scientific studies. While searching the web I didn’t find a paper pieced microscope so this could be useful also for science-oriented gifts.

La cosa poi che mi fa sorridere è che lo spazio sul vetrino si presta per una stoffa davvero a tema: fiori per un botanico, insetti per un entomologo, cristalli per un geologo, e strani occhi che ti scrutano per un biologo ;)

What I really like is that you can showcase a special fabric on the slide: flowers for a botanist, insects for an entomologist, rocks for geologists, strange eyes peering at you for a biologist :)

Mi ero imposta di doverlo cucire (nonostante non fosse obbligatorio per la partecipazione) e quindi eccovi il mio microscopio color turchese su verde, con stoffe strane prese a Vicenza l’anno scorso.

IMG 7543

Scaricatevi qui il modello, e fatemi sapere se lo cucite!

Download the pattern and let me know if you stitch it!

 

 1 3

Nuovo giro, nuova corsa: gli e-wearables

Mi conoscete da anni e ormai lo sapete, non ho mai pace e son sempre incuriosita da qualcosa di nuovo. Questa volta dopo un bel po’ di tempo che stavo “tranquilla” me ne sono inventata un’altra, e mi sono buttata negli e-wearables. Ma facciamo un passo indietro.

Quest’autunno sono stata alla Makerfaire di Roma (ve ne parlavo qui e in inglese sul mio altro blog) e tra le mille stranezze hanno subito colto la mia attenzione gli e-wearables; questa incredibile mescolanza tra stoffa ed elettronica che sembra nata proprio per me. C’erano solo 2 o 3 stand che se ne occupavano e ho approfittato per farmi raccontare da loro che cosa facessero e in pratica cosa fosse. Rachel Hellenga di teknista.com dimostrava ai bambini come si potessero realizzare semplici circuti con nastro adesivo conduttivo e led, e ha raccolto un pubblico entusiasta con le sue rose in duct tape al centro delle quali spiccava un led. Una foglia copriva l’interruttore e permetteva di spegnere ed accendere il led. Aveva anche uno zainetto con led incorporati che mi piaceva molto come concetto, nonostante fosse fatto in maniera abbastanza poco curata nelle finiture (si, son fastidiosa!!)

IMG 3102

IMG 3104

Da lì sono capitata allo stand di Stitch and Solder, dove i due simpatici (diciamo pure folli) rappresentati mostravano gli usi della stampa 3d per integrare nell’abbigliamento sensori e circuti che permettono di rilevare dati ambientali e reagire di conseguenza. La signora indossava una spilla che racchiudeva un circuto che rilevava poi il suo battito cardiaco e lo riportava con l’accendersi di un led.

IMG 0924

IMG 0923

Ormai ero già affascinata, e avevo già comprato nel negozio interno della Maker Faire il kit di base per cominciare a cucire circuti della Plug and Wear ma mi aspettava un altro incontro che mi avrebbe completamente convinta. Un piccolo stand spagnolo, quasi nascosto aveva solo 3 manichini in esposizione e mi era completamente sfuggito nei miei primi giri di perlustrazione. Ma con l’occhio ora allenato a cercare questo meraviglioso connubio tra stoffa e tecnologia l’ho notato e mi sono lanciata a chiedere informazioni. Ho scoperto il loro progetto di nome Lüme. I loro prototipi hanno dettagli realizzati in tessuto devorè e lasciano trasparire la luce dei led sottostanti. Il colore dei led puo’ venir selezionato tramite un’applicazione sul telefono rendendolo ogni volta un capo diverso.

IMG 3126

Sapete come sono, mi discosto poco dalle gazze ladre e una cosa brilloso e luccicante coglie sempre la mia attenzione. In fin dei conti la mia prima borsa con le luci l’ho fatta un bel po’ di anni fa usando le file di led natalizi, e questa è l’ovvia continuazione ;) Quindi un vestito (nero ed elegante tra l’altro!!) che nsconde dei led di cui si può regolare il colore??? DEVO averlo! 

Da questo incontro è nato un grande amore, un po’ come nei film romantici in cui il protagonista trova l’anima gemella quando non la cerca più e scopre che condividono mille piccoli dettagli, così io ho scoperto che questi e-textiles o wearable technology erano la mia passione già prima che sapessi della loro esistenza. E ora sapete cosa ha occupato le mie giornat in questi mesi: Lilypad, Arduino, tessuto conduttivo, sensori di luminosità, led…tutte cose che magari conoscevo ma che ora vedo in una nuova prospettiva e mi prepraro a cucire a borse e quant’altro. Il primo progetto fatto per halloween l’ho presentato in uno dei video scorsi. Una borsa (ma va??) realizzata con un disegno in paper piecing disegnato da me e successivamente decorata con i led. 

IMG 3646

IMG 3650

IMG 3665

Ma questo era solo l’inizio, ho un sacco di progetti assurdi che vi mostrerò a breve, e che incredibilmente fanno anche parte del mio nuovo lavoro (!!!). E alla prossima puntata vi racconterò di più, mentre mi avvicino al vestito con i led che cambiano colore inesorabilmente :)

Chiacchierando 50!

cinquantesimo video!!! Che poi, sommato a quelli inglesi fa ben oltre 100 video, ma vedi pur tu dove siamo andati a finire, avreste mai detto? Io no, sincera!

Nuovi progetti e basta per questo video: una borsa per un matrimonio, un nuovo corso di free motion e un nuovo quilt.

Impegnatissima :)

Spring in the pond – la primavera nello stagno

It’s my chance at the spring fling Soma has organized. I’m thrilled to be part of this talented group of ladies and the previous blocks were really special. My choice was super easy: I just had to do something pond related. I’m an herpetologist and a pond warden so I know it’s spring because frogs are hopping and toads are crossing the roads. I have spent most of my spring evenings in the last years counting egg clutches or saving toads from being trampled by cars.

Skitched 323

E’ il mio turno al blog hop di Soma finalmente! Sono emozionatissima di far parte di questo gruppo di ragazze piene di talento, i blocchi fino ad oggi erano davvero speciali. Non ho avuto alcun problema a scegliere che blocco fare: doveva aver a che fare con lo stagno. Sono un’erpetologa e so che sta arrivando la primavera quando le rane saltellano e i rospi rischiano di farsi investire. Ho passato la maggiro parte delle mie serate primaverili degli ultimi anni a contare ammassi di uova e a spostare rospi dalla strada prima che passassero le macchine!

IMG 8596 4

So my block had have a pond. I came up with a small pond with water lilies, some cattail and a dragonfly. The fun thing about dragonflies is that you can go crazy with the colors and you will always find one that really exists: metallic blue, acid green, blood red. They are all real dragonfly colors, believe it or not ;)

Quindi dovevo fare uno stagno, e ci ho messo tutto quello che lo caratterizza: ninfee, tif e e una libellula. La cosa divertente delle libellule è che puoi scegliere qualsiasi colore per cucirla e scoprirai che esiste davvero. Ci sono libellule rosso sangue, blu metallico, verde acido. Non mi credete? Fate una ricerca su google!

For the leaves go wild and use all the different scraps of green, brown or yellow that you have, they will look better that way. And the same for the waterlilies: I have used a single symbol but you can use all kinds of different hues, the scrappy look suits it.

Per le foglie ho usato un solo simbolo ma trovo che sia molto più bello se si usano tutti i ritagli di verde, marroncino o giallo bruciato, l’aspetto scrap mi piace di più. Lo stesso vale per i fiori: usate tutti i pezzetti di rosa o lilla che vi avanzano nella scatola dei ritagli.

DragonflycolorDragonflycolor2

And while the patterns is downloading (you will also find it on craftsy btw) if you are getting curious on ponds and pond wardens I have some links for you (unfortunately all in italian): my association, a very nice documentary we have made this year while saving frogs and toads, my interview on the local tv and a very cute video made by elementary kids after a visit we made at their school.

E mentre scaricate il modello (che si trova anche su craftsy se volete) se vi ho incuriosito sui rischi a cui vanno incontro gli anfibi in primavera vi invito ad andare a vedere il sito della mia associazione o a guardare un documentario che hanno girato quest’anno seguendo la nostra attività, un’intervista che ho fatto alla TV locale o ancora meglio un bellissimo video realizzato dai bimbi della scuola elementari dopo una lezione che ho tenuto l’anno scorso.

Super Mario

Siamo tutti un po’ nostalgici, e infatti spopolano i siti e le poesie sugli anni dell’adolescenza di ognuno di noi (io parteggio per i meravigliosi anni 80, che stanno tornando nella moda con i pantaloni jeans elasticizzati e le maglie oversized. Spero non tornino le spalline e i capelli cotonati pero’…)

Simbolico al massimo è Super mario, e sottolineo, questoNewImage

non questo!

NewImage

Comunque è tornato di gran moda, e potete crearvi anche un quilt “pixelloso” con i modelli offerti da Cut to pieces

NewImage

E poi ho scoperto un sito, Sprite stitch, che raccoglie solo oggetti fatti a mano basati su personaggi della tv-videogame. E super Mario ha il suo bel posticino, ricamato, dipinto o cucito

NewImageNewImageNewImage

Quello che mi ha scioccato è la dedizione non al buon vecchio Mario, ma ai Pokemon. Forse sono troppo vecchia, nel senso che li ho conosciuti quando ero già più grandina e non me ne sono affezionata granché. Certo erano carini con gli occhini molto giapponesi e tutte le caratteristiche differenti.

Mi piacciono le scarpine

NewImage

posso accettare le tavole anatomiche

 NewImage

Ma un ricamo a punto croce della durata di 7 mesi no, proprio no!

NewImage

Addio mio ecto addio

Quando cominci un blog scrivi usando l’interfaccia del programma. Poi ti rendi conto che vuoi scrivere una cosa e pensarci su, o che firefox (o chi per esso) crasha e ti trovi a perdere il lavoro. Ti incavoli e passi a un blog editor, un programmino che funziona come un editor di testo e ti permette di scrivere con calma i tuoi post, corredarli di immagini e links e spedirli nell’etere.

E ti affezioni al tuo programmino, che nel mio caso era Qumana all’inizio (ora defunto) e ecto successivamente. Poi aggiorni il computer col nuovo sistema operativo e ti trovi tradita.

No, non è arte moderna è un’immagine distorta che copre del tutto il testo rendendomi impossibile continuare a scrivere.

Untitled  Untitled 1

Sigh.

E ora provo marsedit, ma non so se mi entusiasmi granchè…

Io e la mia signorina…stiamo bene insieme….

Sulle note della canzone di Neffa (2001? davvero sono passati più di 10 anni?) estrazione dei miei due modelli:

Quello a mia discrezione va a Federica, ho riso come una matta pensando che lascia le scatole in negozio e sfrutta la scarsa attenzione del marito (Carlo ovviamete non è d’accordo sul premiare lo “sfruttamento” di un marito!!).

Random invece…. Commenti da 1 a 28 (ce ne sono 31 ma alcuni sono doppi), partendo dal più vecchio… 25

RANDOM.ORG - True Random Number Service-2.jpg RANDOM.ORG - True Random Number Service-3-1.jpg

Che corrisponde a Raewyn.

Grazie a tutti quelli che hanno lasciato un commento e scaricato il mio pattern!

Il mondo si popola di eleganti signore pronte a partecipare la cocktail party! Prese da flickr

Here we are to assign the free patterns. The shoe-one I chose is from Federica, she tells how she tricks her husband into ignoring the new shoes she buys, leaving the box in the store and hiding them for some time. If he asks her about them she then lies telling him that he is too distracted to remember these old old shoes :)

The one that random.org chose in n. 25, and eliminating a comment by the same girl and one in which I was answering I find Raewyn.

Blog hop! ».jpg

Meanwhile some fancy ladies are appearing in the flickr accout.

Da Harrypotter5freak

Untitled | Flickr - Photo Sharing!.jpg

Da vroomansquilts

PP BL# 16 | Flickr - Photo Sharing!.jpg