Qui, siamo tutti matti. Io sono matta, tu sei matta.

Quando Alice cade nella buca del coniglio gli incontri che fa sono tutti incredibili: il Brucaliffo, che fuma creando tutte le lettere dell’alfabeto, la Regina di cuori che vuole decapitarla, il leprotto bisestili (la cui passione per il thè me lo rende estremamente simpatico), ma lo stregatto ha un posto particolare nel mio cuore.

In primo luogo perché gatto, e poi per il suo sorriso enigmatico, l’ultima cosa a sparire quando saluta Alice.

E se volete realizzarlo con la stoffa, vi ho preparato il modello, che potete scariare gratuitamente da me o da fandom in stitches. Io l’ho cucito co lo sfondo nero come le pupille, ma anche su fondo di colore contrastante rende lo sguardo folle folle.

Facile facile, se lo realizzate mandatemi una foto!!

201207180830.jpg 201207180830.jpg

E ti sarai accorta che in fondo sono mezzo svanito anch’io! (Stregatto)

Volpette rosse

A Trieste (proprio ad Opicina dove vivo io) c’è un negozio davvero bello, aperto da una deliziosa quilter di nome Irene. Il negozio si chiama “La volpe rossa”, richiamando il cognome di Irene e i suoi bei capelli ramati. E anche il logo del suo negozio è una bella volpetta rossa.

395224_301694193225567_1283259284_n.jpg

Quindi quale regalo migliore potevo farle per ringraziarla delle belle ore passate a seguire le sue dimostrazioni? Un pannellino in paper piecing disegnato da me con la sua volpetta, che tra l’altro è talmente un tesoro che non si può non volerla cucire :)

IMG_5384.JPG

E’ venuta molto somigliante, certo non son poche sezioni da unire, ma i pezzi sono tutti abbastanza grandini e si potrebbe anche diminuirne la grandezza finale senza dover usare la lente d’ingrandimento per leggere lo schema ;)

Si, perchè a Irene ho consegnato anche lo schema, sono curiosa di vedere la sua versione quando avrà il tempo di realizzarla.

volpe rossa.pages-1.jpg

Per finire, qualche scatto dei lavori in corso e della quiltatura (un po’ di free motion e un po’ di punti decorativi sul bordino). Se volete altre informazioni sul suo negozio potete andare a vedere la sua pagina di Facebook, e curiosare anche le varie foto delle sue stoffe e degli oggetti realizzati ai vari corsi.

IMG_5370.jpgIMG_5386.JPG

Alla prossima!

Eeeeeeek!

intanto spieghiamo il titolo: trattasi di ultrasuono prodotto da:

  • infanti che vogliono attirare l’attenzione
  • pipistrelli
  • donne emozionate per qualcosa

Io rientro nell’ultima categoria (nonostante l’età mentale spesso ridottissima e il carattere pipistrellesco), perchè ho appena caricato le ultime due scarpe della mia serie e ho visto che sono nella pagina dei modelli trending della mia categoria!!!! Eeeeeeeek!

Se andate in pattern-quilting sono lì, al 10° posto, e per di più con la scarpa che meno mi piaceva, la zeppa che mi convinceva meno delle altre ma che ho inserito per completezza.

Quilting patterns from independent designers-1.jpg

scendi scendi…

Quilting patterns from independent designers-2.jpg

Eeeeeek!!!

Ok, la smetto ;) Come dicevo ho caricato le ultime due scarpe, una ballerina vezzosa (io l’ho fatta in turchese, ma me la vedo bene anche a pois) e un peep toe che ho disegnato tra i primi ed è probabilmente il mio modello preferito.

Ora si volta pagina e basta scarpe (almeno per ora!), sto studiando di cambiare argomento ma restare sul femminile. Vorrei partecipare al concorso di Hobby donna (nonostante l’esperienza deludente della volta scorsa) e sono in cerca di un’idea geniale.

peep2.jpg bassequilt.jpg

Baci!

Blog hop!

Finally it’s my turn to show the pattern I designed for Jennifer’s Blog hop party. I was so excited I started drafting it a couple of days after her announcement in January, and forced my closest friends to try it out so I could be certain of the outcome!

Finalmente è il mio turno di mostravi il modello che ho disegnato per il Blog hop di Jennifer. Ero così emozionata all’idea di partecipare che ho cominciato a disegnarlo un paio di giorno dopo il suo annuncio a metà gennaio e ho costretto le mie amiche a testare il modello in modo da essere certa del risultato finale!

skitched-20120416-105454.jpg

When I think of a Garden party I see ladies wearing elegant hats, like during Ascot’s races, so I decided to design a pattern for a posh lady with a 20’s style hat. The ribbon is the perfect place to showcase a floral fabric or some special pattern you are saving in your stash.

Quando penso a un Garden party immagino signore con grandi cappelli come alle gare di cavalli di Ascott, e ho deciso di proporvi una raffinata signorina con il naso all’insù e un cappello elegante. Il nastro è il posto ideale per inserire una stoffa a fiori che avete salvato per un’occasione particolare.

IMG_4793-1.jpg

You can download the pattern here, or on my craftsy store. I am also happy to show you the different versions my friends stitched: Fiammetta with a green hat by Viviana, Valentine with the red hat by Pina and Lily with a blue hat by Susanna.

Potete scaricare il modello cliccando qui, o visitando il mio negozio di Craftsy. Sono orgogliosa di presentarvi anche le altre signorine eleganti cucite dalle mia amiche: Fiammetta con il cappello verde realizzata da Viviana, Valentine col cappello rosso da Pina e Lily con il cappello blu scuro da Susanna.

Fiammetta 002-1.jpg image-1.jpg IMG_3697.jpg

To celebrate Jennifer’s birthday I’m hosting a giveaway: I will send my first two patterns available on my Craftsy store to two people leaving a comment under this post. The patterns are shoe themed so I will choose a random comment and one shoe-themed that makes me smile :) The giveaway will close on sunday the 22nd.

Per festeggiare il compleanno di Jennifer e la mia partecipazione al suo blog hop ho un giveaway per voi: manderò a due persone i miei primi modelli inseriti nel negozio di Craftsy, lo stivale e il tronchetto, a due persone tra quelle che lasceranno un commento sotto a questo post. Un commento sarà estratto a sorte, e uno sarà scelto da me tra quelli che vorranno dirmi qualcosa sulle scarpe. Estrazione domenica 22 aprile.

These boots are made for walkin….

After thinking about it for such a long time and having difficulties deciding what kind of block to draft, I finally opened my craftsy shop. I’m so excited, I’ve been trying out all kinds of patterns and then realized there was a very important accessory that every women loves and that was missing in the paper pieced scenario: SHOES!

So with the help of my dear friend Viviana that is my shoe expert, I started choosing the styles and here is my very first pattern on sale: an elegant high heeled boot.

I’t really easy to piece, with few sections and I worked on mantaining big pieces of fabric for the boot so you can showcase some crazy pattern.

201204131109.jpg

How about some animalier, or red boots?

201204131122.jpg

The pattern makes a finished 7″x12″ block, so it can combine with all the other 7″x 6″ patterns with all kinds of shoes. You can certainly reduce it in size or flip it to have more crazy boots.

Let me know what you think about it!

The Lorax

One fish

201203130832.jpg

two fish

red fish

blue fish

Non vi dirà nulla, ma sono dei famosi versi di Dr. Seuss, scrittore per bambini che ha affascinato generazioni intere con i suoi versi semplicissimi ma pieni di immagini.

Di lui conoscerete sicuramente il Grinch, portato alla ribalta qualche anno fa con un bel lungometraggio (dove Jim Carrey incarna un Grinch splettacoloso), e forse per Ortone e forse per il gatto col cappello (The Cat in the Hat).

Adesso uscirà un nuovo lungometraggio tratto da un suo libro, e per la precisione The Lorax.

Negli stati Uniti è già uscito da qualche giorno, mentre noi dovremo aspettare fino a giugno, con un doppiatore alquanto peculiare tra l’altro.

201203130832.jpg

Io non vedo l’ora esca, ho frequentato la scuola americana quindi i miei libri da piccolissima erano proprio quelli di Dr. Seuss (dopo è arrivato Paddington ma questa è un’altra storia).

La storia parla di un mondo senza più alberi, e di un bambino che, per far felice una sua coetanea, cerca di scoprire com’era il mondo prima della sprizione degli alberi e come ripiantarli.

E pensare che l’ha scritto ne 1971, quando la deforestazione non era nulla al confronto di quello che stiamo facendo ora…

Ma perchè ve ne parlo? Intanto perchè appunto adoro dr. Seuss, e poi perchè ho realizzato un modello in paper piecing del Lorax, in tutta la sua baffuta presenza!

Ha l’aria decisamente più corrucciata di quello sulla locandina, ma considerando come stiamo trattando i boschi lo capisco perfettamente…

IMG_4964-1.jpg

Qui potete scaricare il modello, se lo realizzate fatemelo sapere, non c’è cosa che mi faccia più allegria che vedere uno dei miei disegni (o tutorial) realizzato da qualcuno.

baci!

Buon Halloween!

Al ritmo della Time warp, cucite per questo giorno il simbolo del meraviglioso film “Rocky Horror picture show” (il mio quinto schema free, come mi diverto!)

foto.jpg

Non ne sapete nulla??? (sigh)

Andate a informarvi e a vederlo allora :)

Per inciso a Trieste ci sarà la rappresentazione teatrale a breve, e il modello l’ho realizzato per venire incontro a una richiesta come sempre su Fandom in stitches.

201110281517.jpg 201110281518.jpg

U-porcu!

E ce l’abbiamo fatta, quasi nei tempi, ecco l’ultimo modello degli angry birds pronto per voi. E chi altro poteva essere, se non il malefico porcello che ruba le uova ai nostri uccellini costringendoli a cercare di recuperarle?

201110191632.jpg

Ci sono parti di questa storia in ogni caso che ancora mi sfuggono, intanto porcelli verdi non ne ho mai visti, ma in secondo luogo l’espressione totalmente idiota degli stessi li rende poco idonei alla parte del cattivo… in ogni caso c’è chi ha analizzato nel dettaglio tutta la psicologia del rapporto uccello-porcello (no, nessuna battuta sconcia!).
PA190002.JPG

Questo è il mio, cucito in una bustina con passanti per poterla attaccare alla cintura (idea deliziosa di Pina). Il modello è di nuovo sia a colori che in bianco e nero.
201110191704.jpg

Tra l’altro sono orgogliosissima che siano apparsi dei blocchi Angry birds anche sul gruppo di flickr di Fandom in stitches :)

E con questo si conclude l’avventura angry birds… o magari no, vedremo :)