tagliuzzando stoffe

Il tempo manca, le idee si accumulano e oggi voglio parlarvi dell’ultima follia che mi sono sognata.

Sono anni che alla fiera di Vicenza guardiamo la big shot (o i modelli precedenti) della sizzix affascinate, e ogni volta ce ne andiamo ripetendoci che serve a chi fa scrapbooking e (grazie al cielo) non abbiamo quella mania. Badate bene, apprezzo lo scrapbooking e lo trovo davvero bello ma ho già abbastanza hobby ingombranti così e quindi me ne tengo lontana per motivi organizzativi e di tempo. Alla fiera non mostrano mai la big shot in uso per la stoffa, e quindi ogni volta ce ne siamo andate via senza l’affascinante oggetto.

Una nostra amica invece ha ceduto, e ieri siamo state a trovarla per provare il suo nuovo gioco.

Non credo che a ottobre torneremo a casa senza prenderla…

Prima di tutto un rapido “che cos’è”? Si tratta di una pressa a manovella che permette di tagliare vari tipi di materiali utilizzando delle “fustelle” (die cuts). Va tagliato il pezzo di stoffa/carta della dimensione del disegno che si vuole tagliare, poggiato sopra alla fustella e coperto sopra e sotto da due pezzi di plexiglass trasparente. Il tutto poi viene passato nella macchina girando la manovella ed esce il disegno già tagliato.

Non ho foto sotto mano delle figure tagliate da noi ma vi faccio una review: la nostra amica aveva 4 “fustelle”: cuori, due tipi di fiori e foglie (più un cerchio che non abbiamo usato). Abbiamo tagliato il feltro di vari spessori e il risultato è delizioso, i bordi sono netti e con il feltro più spesso il fiore ha una buona consistenza e si può usare a sè stante come decorazione in rilievo senza doverlo cucire a un supporto. La stoffa leggera si taglia benissimo ma tende a sfilare sui margini e se il bordo è troppo sottile di spezza facilmente. Andrebbe prima stirato dietro del biadesivo per poi applicarla su qualcosa. L’ecopelle e la stoffa plastificata vengono anche benissimo mentre l’alcantara tende a sfrangiarsi.

Anche la scelta del disegno fa la sua differenza: nel modello con i cuori ad esempio il cuore chiaro sotto tende a sfrangiarsi e va ovviamente fissato su un supporto (e pure rapidamente, già staccarlo dalla fustella può essergli fatale!). I due cuori “pieni” non danno problemi.

201007061802.jpg  

Quindi ora mi sono incuriosita sulle macchine per die cut e le applicazioni per il patchwork e ho scoperto alcune cose davvero curiose.

Cominciamo dalla già citata Sizzix, che nasce per la carta ma ha una serie di fustelle (parola per altro orribile, se avete altre traduzioni fatemelo sapere) fatte apposta per il patchwork. Ci sono tondi, quadrati, esagoni e triangoli e qualche forma da appliquè tradizionale. Mentre la trovo geniale per l’appliquè continuo a pensare che il rotary cutter sia la soluzione migliore per le forme tradizionali da usare per poi fare piecing, anche considerando che bisognerebbe comprare un diverso kit per ogni misura di quadrato con costi notevoli. Prezzo della Big shot 100euro, c’è anche una sezione del sito con progetti in stoffa.
Youtube non tradisce e ci sono vari video con spiegazioni come questa con una spilla a fiore dove taglia 4 strati di stoffa alla volta.

201007061813.jpg

Ma non ci fermiamo qui, la Accuquilt ha assunto due dei quilters americani con maggiore mania di protagonismo, ha modificato un po’ il progetto, ritoccato il prezzo ed ecco la die cut apposita per quilting. Il funzionamento è sempre lo stesso: si appoggia la stoffa sopra alla fustella, si copre e si passa il tutto dentro alla macchina. In questo caso la Go! fabric cutter costa 350$, e non vi dico il prezzo del kit. Ci sono fustelle per appliquè, blocchi tradizionali e persino per rag quilting! (e qui mi pare si esageri abbondantemente)

201007061827.jpg201007061827.jpg

Esiste anche la versione professionale che permette di tagliare molti più pezzi e che costa ovviamente molto di più. Ve la lascio scoprire qui. Sul sito c’è una sezione di video e di progetti specifici.

Poi c’è la cricut, che mi ha lasciata devo dire a bocca aperta. È elettrica e funziona come una stampante, ma invece di stampare taglia. Le cartucce digitali con i disegni vengono inserite nella macchina, si infila un foglio di carta poggiato su una base e si impostano i parametri di velocità, spessore del materiale e dimensione del disegno. Scelto il disegno la macchina parte e con una piccola lametta taglia la forma scelta. La dimensione massima di foglio che accetta è 6″x12″ e si, taglia la stoffa ma con molta più difficoltà perchè la lama tende a spostarla e accartocciarla. Un video su youtube mostra come bloccare la stoffa (già stirata su biadesivo) con dello scotch per evitarlo, ma la cosa mi pare davvero macchinosa. Secondo altri non basta nemmeno questo, e bisogna usare amido in quantità astronomica. La bestiaccia costa 230$ ma ha l’innegabile lato positivo di poter ridimensionare le immagini e anche caricarne di proprie. Ma per questo chiedete informazioni a StampingDani che non conoscevo ma mi pare bravissima.

201007061840.jpgEsiste anche qui la versione pro, la cricut expression taglia fogli sino a 12″x24″. Ma, e qui la cosa secondo me è davvero incredibile, esiste la versione per realizzare decorazioni per le torte! Cricut cake, che viene con una serie di video che non potete perdervi e che taglia “vari alimenti” (?) E costa 400$. Tra l’altro l’idea di poterla acquistare per motivi semi-professionali viene stroncata dalla ditta stessa, che non permette di rivendere in grossi quantitativi oggetti realizzati con le loro fustelle in quanto protette da copyright. I risultati sono davvero splendidi in ogni caso.

201007070952.jpg
Ma sia mai che dobbiate imparare da soli a realizzare il marzapane, fondant o qualsiasi cosa, potete comprare degli agevoli fogli di fondant già steso nella dimensione giusta (e già colorato), impostare dimensioni e disegno ed ecco il soggetto pronto da poggiare sulla torta. Oppure potete comprare una fantomatica “gum paste” che viene in un barattolo (già colorato obviously) e che dovrete stendere da soli (yuck!). Ha la consistenza di didò ma poi diventa talmente rigida da… non essere praticamente più mangiabile.
Se avete tempo guardatevi il video della signorina qui che si impegna moltissimo a realizzare un brutto fiorellino grande quasi come il biscotto che vuole decorare, e che specifica si dovrà togliere in quanto non mangiabile…  

YouTube - Episode 200 - Cricut Cake Demonstration.jpg

Questa ragazza (a parte il dubbio gusto di voler fare una torta con un osso da regalare a un’amica che è stata morsa da un cane…) almeno usa un marshmallow fondant fatto da lei e il risultato è decisamente migliore.

Manca ancora la Cuttlebug, e chissà quante altre! Ne parla modo dettagliatamente stampingDani, e dalla sua descrizione pare meno adatta a stoffa/feltro spesso a causa delle formelle/fustelle più sottili.

201007070909.jpg

Questa cercando banalmente cuttlebug+fabric dà un sacco di risultati, ma alla fine sono sempre fiori di stoffa applicati su bigliettini augurali.
Di comodo ha che usa anche le formelle della sizzix, costo dell’operazione 150$. Interessante il fatto che si può usare per imprimere la pelle (sempre a cercar traduzioni dall’inglese… embossing era più semplice), ovviamente l’idea si applica anche alle altre macchine.

201007070851.jpg201007070851.jpg

Oppure si torna all’appliquè, qui una maglietta da neonato con la scritta, l’autrice dice di aver provato con la cricut ma i risultati erano tragici nonostante il fusible web.

Questo sito raccoglie 228 tecniche utilizzabili con la cuttlebug tra cui dei fiori di stoffa e un appliquè.

Manca ancora la quickutz, costo 90$. Le fustelle sono diverse, senza la protezione di gomma. Come sempre ho trovato istruzioni per fiori di stoffa (è ‘na fissa)su “adventures in die cutting” carino pero’ il sistema con cui li fissa alla forcina per capelli. In un’altra puntata ha tagliato anche il legno sottilissimo!
201007071006.jpg  

E ancora devo studiarmi la compatibilità delle fustelle di una con l’altra…

Alla fine della fiera direi che funzionano tutte nello stesso modo e dovrebbero essere equivalenti, con differenze date dalla dimensione del piano e dalla disponibilità delle formelle. L’unica veramente differente è la cricut che non è pero’ adatta alla stoffa. Mi sa che quest’autunno vado alla fiera di Vicenza con il carrellino con le ruote…

Bookmark the permalink.

17 Responses to tagliuzzando stoffe

  1. daniela says:

    mi dispiace per te ma l’orribile parola fustella è un termine tecnico italiano, usato anche il legatoria, hai presente quegli splendidi libri che si aprono creando figure in 3d, per tagliarli si usano fustelle.
    Comunque interessanti le possibilità offerte dall’orriblile fustella

  2. franca says:

    ma per usare queste cose bisogna fare qualche corso alla NASA? Bentornata Gaya :-))

  3. Gaya says:

    Touchè Daniela, hai ragione è un termine corretto ma mi suonava malissimo!
    Franca l’uso in realtà è banalissimo, fai il sandwich con plexiglass fustella e stoffa e giri la manovella, nulla di più. La cricut è decisamente rognosa per la stoffa ma con la carta fa cose spettacolose

  4. floriana says:

    la voglio !la mia amica ci fà un sacco di cose ,sarà il mio regalo di natale?

  5. Danilo says:

    Chiedo scusa, vorrei capire alcune cose: Qual’è la fiera di Vicenza a cui si fa riferimento? Ed in questa fiera viene esposta anche la Cricut? C’è qualcuno che vende espressamente la Cricut in Italia?

    Grazie in anticipo – Danilo

  6. Gaya says:

    Ciao Danilo! La fiera di cui parlavo è Abilmente, si svolge a Vicenza due volte l’anno e trovi tutte le info qui
    http://www.abilmente.org
    Non hanno la cricut pero’, solo la bigshot presso una paio di stands tra cui il più grosso credo sia impronte d’autore di Milano
    http://www.stamping.it/
    La cricut devo ammettere non l’ho mai vista dal vivo, temo di non poterti dare informazioni aggiuntive. Prova a scrivere al sito inglese chiedendogli gli importatori italiani.

  7. Loredana says:

    La cricut io l’ho vista in vendita da http://www.Boitascrap.fr io (mi piace anche dilettarmi nello stamping) uso la big shot e la Slice Making Memories. Della big Shot ti posso dire che si taglia la stoffa con tutte le big Z dies (tagli 8 strati di stoffa contemporaneamente!)ho appena fatto un progettino veloce per fare i rag quilt velocissimo! La Slice taglia un solo strato di stoffa (ora hanno fatto anche la Slice Fabrique’ apposta per le quilter) che taglia lettere e forme già con il fusible attaccato comodissima per l’applique’. http://www.whyslice.com . Ciao

  8. Gaya says:

    Interessante la Slice, mi era sfuggita. Grazie, aggiornerò il post. Come vengono le stoffe? Taglia bene o tende a spostarle? Sono molto incuriosita

  9. Serena says:

    Ciao, complimenti per l’esaustiva spiegazione dei vari tipi di fustellatrici in commercio, e mi sembra di aver capito che comunque ti giri come la big shot non ce n’è.
    Quindi se riuscissi ad accumulare i soldini per accalappiarmene una il modello da prendere è la sizzix? o altro? premettendoti che la userei più che per lo scrapbooking per tagliare feltro sottile e pannolenci che sono la mia principale passione.
    Ti ringrazio in anticipo per l’attenzione e per la risposta che mi darai. Serena

  10. Gaya says:

    Ciao Serena,
    premetto che non sono un’esperta in alcun modo! Dalle mie analisi sicuramente la big shot è quella che ha una maggior scelta di fustelle adatte al feltro, la accuquilt è realizzata per il patchwork e ha fustelle per fare anche quadrati e triangoli, ma sono più costose e in ogni caso ne ha pochissime con soggetti da appliquè.

  11. martha says:

    Grazie Gaya per tutte le indicazioni che ci hai fornito. Non credo comprerò nulla al momento, sto cercando un oggetto miracoloso che tagli il feltro per fare dei gioielli che ho in mente. Ho passato molte notti a guardare i tuoi video. Se non hai di meglio da fare, leggerai di te nel mio blog nella sezione Come ho iniziato….al motivo n. 4.
    Ciao Martha

  12. Pretty! This was an incredibly wonderful post. Thank you for providing this info.

  13. csgo says:

    Howdy, cool webpage you have going here

  14. Passion the site– extremely individual pleasant and whole lots to see!

  15. coadjuteurs de science.We peuvent les appeler, et justement, des rêveurs, des théoriciens, des fanatiques. Mais wemust rappeler que une chose qu’ils voulait faire, et a fait. Ils recalledmen aux faits; ils soumissionnent leur demander de tout ce qu’ils voyaient Quels sont thefacts de l’affaire? Jusqu’à ce que nous connaissons les faits, l’argument est pire que useless.Now l’habitude de demander aux faits de l’espèce doit livrer menmore ou moins de ce mauvais esprit que le vieux Romains appelaient Fama, de celle que Virgile décrit dans l’Enéide comme le plus laid , la plus fausse et la plus cruelle des monsters.From Fama; des rumeurs, hearsays, des exagérations, des scandales, des superstitions, opinionswhether publique de l’ancienne publique opinionthat le soleil tournait autour de la terre, ou l’opinion publique aussi, que thosewho osé différer de l’opinion publique étaient odieux à la

  16. twoof ses comtés, a décidé de lever un corps de troupes; et dans tous les probab-ilité va les garder aussi longtemps que il n’y a aucune apparence de danger Tothe la paix publique. La conduite du Massachusetts donne une leçon sur Thesame sujet, bien que sur un terrain différent. Cet État sans waitingfor la sanction du Congrès, comme les articles de la Confédération requirewas contraint de lever des troupes pour réprimer une insurrection domestique, et stillkeeps un corps de salaire pour éviter un renouveau de l’esprit de révolte. La constitution par-par- du Massachusetts opposé aucun obstacle à la meas-ure; mais l’instance est encore d’usage pour nous instruire que les cas sont susceptibles d’oc-cur sous notre gouvernement, ainsi que dans celles des autres nations, qui, parfois, rendre une force militaire en temps de paix essentielle

  17. le gouvernement, ni le contrôle overthe mesures qui ont été adoptées. Les conseillers avec lesquels le governorconsulted sur les questions d’Etat ont été nommés par lui-même. Cette ofgovernment de tri était pas mieux que un absolu peuple despotism.Robin Hood39The beaucoup souffert de mal alors que Sir Edmund Andros ruledover eux, le grand-père continue; et ils étaient inquiets de muchmore. Il avait apporté quelques soldats avec lui de l’Angleterre, qui tookpossession de l’ancienne forteresse sur l’île de château et de la fortification onFort Hill. Parfois, il a été dit qu’un massacre général des theinhabitants devait être perpétré par ces soldats. Il y avait des rapports, aussi, que tous les ministres devaient être tués ou imprisoned.For quoi? demanda Charley.Because ils étaient les chefs du peuple, Charley, saidGrandfather. UNE

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>