Broderie suisse

Si cambia argomento, e si ritorna alle origini con un po’ di ricamo. Alla fiera di Forlì abbiamo avuto modo di provare il ricamo svizzero, noto come Broderie suisse o in America Chicken scratch o Depression Lace o Snowflaking. Ve ne ho già parlato, e vi ho mostrato le foto dei bellissimi lavori di Ricami e passioni. La tecnica mi era piaciuta molto, e ho cercato notizie e modelli per realizzare i miei ornamenti natalizi di quest’anno.

PC160002.JPG

Visto che i punti sono semplici e il risultato di gran effetto, vi passo il risultato delle mie ricerche per i vostri prossimi ornamenti. Ammetto di aver avuto qualche difficoltà a trovare la stoffa, che deve essere tinta in filo in modo da evitare distorsioni del disegno.

Due consigli da esperienza personale: non è adatto per tende, asciugamani o tovaglie che non vengano poi doppiate, in quanto il retro del ricamo sarà sempre “sporco” e quindi da non mostrare. Sono anche poco adatti prodotti che verranno poi molto maneggiati, dato che i punti sono in alcuni casi abbastanza lunghi e rischierebbero di venir tirati. Usate poi sempre il telaio.

Iniziamo con la storia, da Cross stitch About.com troviamo la spiegazione della stoffa necessaria, i fili da usare e un modello di cuore.

201012271442.jpg

Kerri made, nel suo blog spiega passo passo con chiarissime foto i punti principali per realizzare un bellissimo segnalibro. Andate assolutamente a vederlo

201012271451.jpg

Sempre lei poi ci consiglia di scaricare il pdf dell’University of Kentucky Cooperative Extension Service. E realizza questa splendida stella

201012271453.jpg

Passiamo in Francia, da Passion broderie, e impariamo a realizzare altri punti

201012271456.jpg

E ancora in Francia da Point Compté potete vedere come l’effetto del ricamo è totalmente differente se si inizia da un quadrato bianco o da uno colorato.

201012271458.jpg

Un bout de toile ha modelli deliziosi, tutti a cui ispirarsi

201012271502.jpg

Vogliamo tornare in Italia? Dany di Clicco e creo fa delle belle presine e condivide i suoi schemi

201012271504.jpg

Potete comprare dei libri di schemi, anche presso

ma trovo siano davvero superflui in quanto i punti sono molto facili e una volta imparati si possono realizzare tutti i modelli che troviamo in rete partendo dalle foto.

Se invece volete dei modelli li trovate su siti francesi o su Casa Cenina.
201012271506.jpg 201012271508.jpg

Tagged . Bookmark the permalink.

14 Responses to Broderie suisse

  1. Stupendi questi lavori! Grazie per aver condiviso e… buon 2011!
    Ciao, Taced

  2. Fabry says:

    Sono a dir poco meravigliosi.
    Sono difficili da fare???
    Ad ogni modo sono stupendi.
    Buon 2011.
    Fabry

  3. Cristina says:

    è vero che nel mondo tutto è nuovo, ma niente è nuovo… da bambina imparai questa tecnica a scuola e mi ricamai un vestito (era a quadretti bianchi e rosa)! naturalmente ho scordato come si fa, per cui grazie per i links.

  4. franca says:

    31 giorni senza telefono ne connessione adsl ma finalmente, stasera, tutto è tornato normale :-) Ci sembrava di essere stati tagliati fuori dal mondo . Ed eccomi qui a farti gli auguri per un patchworkoso e sereno duemilaundici. Sul tuo blog ci tornerò domani e lo spulcerò tutto ( o quasi ) !

  5. Donatella says:

    Grazie infinite per le spiegazioni dettagliate e chiare. Mi piace molto come tecnica e non l’ho ancora sperimentata mi metterò all’opera. Grazie Donatella

  6. elisabetta says:

    ciao,ho visto ieri in fiera una tovaglia ricamata in broderie suisse con il rovescio pulito. Tu ne sai qualcosa? Sto cercando spiegazioni perchè secondo me come il punto croce eveavere un rovescio se non perfetto almeno pulito. grazie e ciao Elisabetta

  7. Gaya says:

    Mah, io ho poca esperienza, ho fatto solo un mini corso di poche ore con i punti base. Al corso ci hanno detto che solitamente il retro è “sporco”, infatti avevano vari oggetti sempre foderati, ma mi pare di ricordare che l’insegnante avesse accennato a un asciugamano o tenda che aveva fatto lei con il retro pulito, e che fosse stato un lavoro “infinito”. Prova a chiedere a loro, hanno un B&B vicino a Pordenone dove fanno dei corsi, ti sapranno dare informazioni più precise
    http://www.ricamiepassioni.com/

  8. daniela says:

    grazie mille x tutte le dritte che hai condiviso!
    un abbraccio e complimenti per il blog!
    dani

  9. Giovanna says:

    Ciao di nuovo… cercavo una cosina per capire come si fa e guarda caso mi sono ritrovata ancora sul tuo sito e su un post che non avevo visto. Ma quante ne sai?! Quei lavori in lilla sono stupendi.
    Prima o poi ci proverò anch’io.

  10. valeria says:

    ho conosciuto questo tipo di ricamo attraverso una mia amica ma visto da qui è meraviglioso!!! complimenti,prima o poi mi metterò anch’io all’opera, un abbraccio

  11. maria teresa says:

    Anch’io sono un’appasionata di broderie suisse, se volete vedere i miei lavori andate sul mio blog e lasciate anche un commento, ne avrei piacere, ciao Maria Teresa

  12. elisabetta bisinella says:

    ciao a tutte anche a me è piace il ricamo svizzero e questo è il mio blog dedicato al broderie siusse: http://agoefilodiely.overblog.com/ ; sono tutti i miei lavori…ho anche un gruppo su facebook AGO E FILO DI ELY http://www.facebook.com/groups/275851765830595/members/ SE VOLETE VISITARE SIETE LE BENVENUTE VI ASPETTO NUMEROSE CON QUALCHE COMMENTO ciao ciao

  13. Gianna says:

    Vorrei acquistare dei libri di broderie come posso fare .se è possibile ne vorrei uno che mi insegna i primi punti passo passo. Grazie

  14. Gaya says:

    Ciao Gianna,
    prova a guardare il sito segnalato poco sopra nel commento o il gruppo di facebook, spero sappiano darti consigli loro perché io non sono un’esperta :)

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>