Abilmente autunno 2012. Ne vogliamo parlare?

Le luci di abilmente si sono spente anche questa volta, e hanno lasciato nei nostri occhi un sacco di idee, nel nostro cuore un sacco di desideri e nel nostro portafoglio un sacco di vuoto ;)

C’è chi è andato nel weekend sopportando la ressa, chi voleva andare ma ha avuto impegni improrogabili (chiamati figli, mariti, distanza o spending review), chi ci ha lavorato e chi ha avuto la fortuna di visitarlo durante i giorni meno affollati magari con care amiche.  Io come vi preannunciavo ero lì sia giovedì che venerdì, e ho provato a organizzare un mini incontro con chi era presente il venerdì, ma purtroppo il cambio di arredamento della zona dove volevamo incontrarci ha causato molta confusione e non sono riuscita a incontrare alcune persone che mi cercavano. Mi scuso ancora, la prossima volta sceglierò luoghi d’incontro inamovibili come gli ingressi!

Mi avete chiesto le mie impressioni e i miei acquisti, e per non farmi venire il crampo dello scrivano ho girato un video, che ho cercato di tenere corto, ma ho fallito miseramente e ho sforato la mezzora. Perdono!

Ho anche montato il “solito” video con foto e filmati girati durante la fiera, ho scelto con attenzione di inserire solo foto di zone espositive o di stand che le permettevano, speriamo di non trovarci una denuncia vista l’accanita protesta verso chiunque volesse fotografare e persino DISEGNARE i loro oggetti (a questo punto vietami pure di guardarli e abbiamo risolto).

In generale ho comprato qualche stoffa da Filomania, una fustella della Sizzix, qualche attrezzatura da bigiotteria e delle affascinanti plastiche da scaldare modellare che vi mostrerò. Ho seguito il corso gratuito per realizzare la borsettina sia dalla Bernina che dalla viking, e anche di quelli vi parlerò con calma (già così avevo sforato la decenza con la lunghezza del video).

Baci!

Tagged , , , . Bookmark the permalink.

4 Responses to Abilmente autunno 2012. Ne vogliamo parlare?

  1. daniela says:

    per l’alcantara Gs scampoli.
    Per la fiera: troppa gente, tipologie di hobby troppo mescolate, troppo piccolo lo spazio degli stand in rapporto al numero di acquirenti. Gli organizzatori dovrebbero prevedere spazi più grandi per gli stands.
    Direi anche che alcune cose erano un pò troppo care. Ho acquistato del materiale di onsumo e alla domanda quanto costa al pezzo la richiesta 10 euro, poi dietro alla confezione ho scoperto che il prezzo era di 7euro!!!! ci stiamo a prova!!!
    Per quanto riguarda il non fotografare è una mania che sta prendendo piede anche all’estero vedi Carrefour de patchwork dove da quest’anno non si può quasi più fotografare da nessuna parte!! Ma mi sono ribellata e dicendole sempre all’ingresso ho spiegato che dopo aver speso 28 euro per l’ingresso avrei fotografato!!!!
    Comunque Vicenza una bella mostra per l’Italia, ma per me troppo generica preferisco fiere più settoriali e più di qualità.
    grazie per le tue meravigliose iniziative ( vedi: io cucio italiano,..video…) Tornerò a trovarti ciao daniela

  2. elena says:

    http://www.abilmente.org/nqcontent.cfm?a_id=2901&creativa=168

    credo sia questo il quilt con i monumenti….splendido
    quest’anno non ci sono stata…
    magari il prossimo…
    ti seguo! un caro saluto
    elena

  3. franca says:

    Video lungo? Visto come sei brava a raccontarci le cose potresti chiacchierare anche per un’ora :-)
    Sono d’accordissimo con te per quanto riguarda il non poter fotografare le cose negli stand, personalmente nutro una certa antipatia verso chi non lo fa fare. Un abbraccio e chissà che il prossimo anno non riesca a venirci anche io :-D

  4. Rossana says:

    Parlare? Io ci sono stata il sabato (mai più) e invece di parlare ho scritto un post molto polemico sul mio blog http://blognew.aruba.it/blog.lastoffagiusta.it/Abilmente_Autunno___Vicenza_2012_67217.shtml
    , e ancora non c’ho messo tutto quello che pensavo, perché avrei rischiato una querela.
    Oltre alla ressa e alla cattiva disposizione dei lavori, la fiera è stata una mezza delusione anche per quanto riguarda la parte commerciale (almeno per quanto riguarda il patchwork). Le stoffe erano sempre le solite, e care per giunta, fili pochi, attrezzature già viste e straviste, e qualche espositore interessante che già conoscevo dalle passate edizioni, quest’anno non c’era.
    Pazienza, forse andrà meglio la prossima volta.
    Purtroppo non abbiamo avuto occasione di incontrarci, ma non dispero in qualche futura occasione di riuscire a conoscerti.
    Complimenti per il video.

    Ciao :-)
    Rossana

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>