Quilter's News Network

Domenica spettacolosa, volevo fare un esperimento di trapunto a macchina guardando il meraviglioso successo di Valentino Rossi ma la mia Pfaff è in sciopero e non prende il filo della bobina, chissà perchè. E quindi dopo aver tristemente rinunciato vi racconto le novità e subito dopo la spiegazione di un mini Bargello.
Novità personali (giusto per dare un pò di colore): dopo un anno e mezzo e un piede rotto (e circa risistemato) ieri nell’ambito della Bavisela ho fatto una gara di Orienteering. Tristemente sono passata alla categoria esordienti non avendo più una società (facevo parte del CUS, ma la sezione ha chiuso per cui restando orfana ho smesso), la preoccupazione era che il piede non reggesse, posso invece orgogliosamente dire che il piede ha retto, è tutto il resto che è crollato! Divertente, ma stancante da morire perchè non faccio più nulla da troppo tempo, ma potrei ricominciare e la cosa mi ha molto rallegrato.

Dopo questo inutile flash sulla mia vita vi dico la vera novità “patchworkistica” delle settimana: ieri ha iniziato la programmazione il canale web di patchwork, Quilter’s news network. Il canale funziona in video streaming, quindi dovrete controllare la programmazione nel momento in cui vi collegate. Per poterlo vedere serve aver installato le ultime versioni di Media Player, Flash player e Internet Explorer e una connessione sufficentemente veloce. C’è la possibilità di selezionare il tipo di connessione che si ha per migliorare la qualità del filmato, e di ingrandirlo a tutto schermo, nonostante in questo caso (anche con la mia amata ADSL Alice) il video risulta un pò sgranato. A parte questo il canale è gratuito, e manda le stesse “lezioni” e consigli ripetutamente. Ieri e oggi sono in programmazione delle lezioni sulle basi di appliquè con Beth Ferrier, una pizza di stoffa, una borsa (yeah), dei consigli per sfruttare al meglio Electric quilt, e due quilt spiegati passo passo con Luveta Nickels e Kaye Wood.
Sui forum americani molte ne sono entusiaste mentre una signora ha commentato che non è al livello dei programmi sulla TV via cavo, ma per l’Italia (e credo buona parte d’Europa) è la prima occasione di poter vedere questo tipo di show, e personalmente sono emozionatissima!
La spiegazione della borsa era molto chiara, passo passo con spiegazioni semplici. L’unica cosa che mancava erano le misure dei vari pezzi, perchè ovviamente il modello è in vendita, ma voglio provare (anzi, stavo provando prima dello sciopero della mia macchina) e vi riferirò le misure che ho usato.
A proposito di prove: la tintura delle stoffe con la schiuma da barba è stato un flop, il colore non si è fissato e il risultato è stato veramente deludente. Bisogna pur provare però!

Due foto scattate ieri sera (dato che commentavo con Carlo che Trieste by Night è grandiosamente kitch e almeno un tentativo di foto dovevo farlo!). Una della linea della costa da Prosecco (si, mossa ma mi mancava il cavalletto) e una del Comune.

Bookmark the permalink.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>