Per favore, mordimi sul collo. Ma fallo con convinzione!

Il sovrannaturale esercita un fascino estremo da sempre, forse per il bisogno di spiegare in qualche modo le cose strane che a volte accadono a volte, o forse è solo il desiderio di un po’ di magia. Nell’ambito del misterioso i vampiri, da sempre hanno un appeal particolare. Mantelli neri, sguardo misterioso e seducente, come resistere?

Ultimamente i vampiri hanno avuto un boom di interesse notevole, li trovi ovunque, ma da brava appassionata di tutto ciò che è fantasy ho deciso di andare alla base. Quindi voilà, vampiri per tutti i gusti dal 1800 ai giorni nostri, e come si sono evoluti.

Se si inizia dal principio non si può dimenticare Bram Stoker, che alla fine del 1800 scrisse il romanzo Dracula. Non inventò nulla, ma si documentò per anni sulla figura di Vlad Tepes Dracul principe di Valacchia.

Da lì ai film il passo è breve: la prima trasposizione è del 1922, in Nosferatu il vampiro. Ma Nosferatu non era decisamente materiale seduttivo, orecchie troppo grandi, e sulla melliflua voce ci può dir poco visto che eravamo ancora nel regno dei film muti. Una curiosità sull’origine del nome Nosferatu: in romeno significa “non ispirato” per evitare i problemi legati ai diritti legali verso gli eredi di Bram Stoker. Fu comunque denunciato per violazione dei diritti d’autore e fu condannato a distruggere tutte le copie del film, ma se ne salvò una, da cui rubiamo questa immagine alquanto topesca.

200907231002.jpg

Saltellando fino al 1931 arriva Bela Lugosi, con già alle spalle esperienze teatrali draculesche. E qui si comincia a ragionare, un vampiro con uno sguardo decisamente più interessante. E orecchie normali.

dracula.jpg

Salto fino al 1958, quando spicca il Dracula di Christopher Lee. Un vampiro sanguinario, ma pare che alla signorina non dispiaccia…

200907231019.jpg 200907231018.jpg

Christopher Lee interpretò altre volte il nostro vampiro, e negli anni 70 ci fu un primo boom con la prima parodia (Per favore non mordermi su collo) e varie versioni, tra cui un sensuale Dracula con Frank Langella.

Foto da Dracula.jpg

Facciamo un salto e finiamo negli anni 90, come dimenticare “Dracula di Bram Stoker” diretto da Francis Ford Coppola? Personalmente mi piace moltissimo Winona Rider che interpreta Mina, affiancata da Keanu Reeves, Anthony Hopkins e Gary Oldman nei panni del nostro vampiro. Un vampiro che finalmente ha dei sentimenti per la bella Mina, reincarnazione della moglie morta, ma non dimentica di essere un sanguinario mostro assetato di sangue.

200907231334.jpg

Ma la narrativa si rimette al passo, e Anne Rice piomba nel 1976 sul mercato con la sua colossale saga dei vampiri: impariamo ad amare Lestat, Louis, Arman, Marius, Akasha, e nel 1994 appare il film “Intervista col vampiro” con un cast di eccezione:

Brad Pitt, Tom Cruise, Antonio Banderas e Christian Slater. C’è solo l’imbarazzo della scelta. Personalmente scelgo Banderas e vi lascio gli altri, Brad Pitt non è particolarmente credibile come vampiro, nemmeno per un vampiro tormentato come Louis… Per inciso i libri sono molto belli, ma Anne Rice ha un po’ perso la testa verso la fine e nemmeno io ce l’ho fatta a leggere gli ultimi incentrati sulla figura di Gesù. Consiglio invece la saga delle strege di Mayfair.

200907231348.jpg

Nel 2004 troviamo Van Helsing, incentrato sulla figura del cacciatore di vampiri, interpretato da Hugh Jackman (che mi piace ancora di più dopo averlo visto in X-man e Australia). E qui c’è la fregatura, il sex symbol non è più il vampiro ma il cacciatore… lo stesso per Blade, con un notevole Wesley Snipes ad accoppare i nostri beneamini in un tripudio di schizzi di sangue da far impressione.

Foto da Blade.jpg

Siamo impazziti? L’ammazza vampiri che risulta più affascinante dei nostri beneamini?Cosa ci ha portato a questo? I vampiri mollicci delle serie tv, di cui tra poco andrò a disquisire, insieme anche ad Edward di Twilight: Ok, è palliduzzo ed emaciato, ha un po’ lo sguardo tenebroso ma…va a scuola?? di giorno?? E può procreare con un’umana? Poco convincente.

200907241345.jpg

True Blood: anche qui un rapporto di amore e sesso (mooolto sesso) tra umana e vampiro. Lui è tormentato, fin troppo a volte visto che da un personaggio che ha vissuto oltre 100 anni non ti aspetti crisi di gelosia e di insicurezza continue. Anche qui acquasanta, crocefissi e aglio sono cliché  sorpassati, li turba solo il paletto nel cuore e l’argento, e il nostro vampiro Bill sopporta persino una passeggiata sotto il sole di mezzogiorno per cercare di salvare la sua bella. Che per inciso si salva da sola decapitando il suo assalitore con una vanga. Notevole sfoggio di inutile galanteria. A suo favore delle belle zanne (che pero’ un qualsiasi dentista confermerebbe essere incisivi laterali e non canini, ma non sottilizziamo) e un gusto retrò per le basette lunghe.

200907231711.jpg

Anche in questo caso partiamo da un libro, che per inciso è ben diverso dalla serie visto che nel primo romanzo il personaggio di Tara (che occupa un terzo delle riprese) non esiste proprio, forse appare più avanti, non lo so e dubito prenderò i libri successivi.

Mi dimenticavo di Buffy!! Anche qui vampiro lui e ammazzavampiri lei: amore e sesso (meno sesso, siamo in fascia protetta) e storia tormentatissima. E dopo ci finiscono dentro licantropi (accoppiata vincente con i vampiri) e streghe. 8 serie di tira e molla tra il bellissimo Angel e Buffy, che alla fine scopre il suo vero amore per un altro… vampiro.

200907231600.jpg

Blood ties? Vampiro Henry ed ex poliziotta. E indovinate? Lui si innamora di lei che in un tira e molla continuo preferisce un ex collega. Alla faccia del fascino vampiresco. Sigh

200907231604.jpg  

Ok, chiudo, chiudo… avevo ancora Being human, con Mitchell, che (guarda un po’) ha come amico un licantropo ed è tormentato perchè non beve più sangue, gira di giorno con gli occhiali da sole ma non può esser fotografato nè visto in uno specchio.

200907241318.jpg

E ho scoperto proprio ora che esiste una serie di nome Moonlight, con un vampiro Mick che si ciba di cadaveri (?!) e che si innamora di un’umana (ma dai, ma dai!). Mi era sfuggita, vi farò sapere.

200907241606.jpg

Riassumendo: secondo me i vampiri televisivi stanno perdendo il loro fascino. Partivano essendo dei veri duri, tenebrosi e affascinanti pronti a uccidere le loro vittime senza farsi alcuno scrupolo. Si trasformavano in pipistrelli sovente, e vagavano solo col favore della notte richiamando a sè le proprie vittime (donne e possibilmente vergini, grazie).

Pian piano hanno recuperato una coscienza e si sono trasformati in tappetini per i piedi, innamorati di donne umane che molto spesso hanno ben più palle di loro (scusate ma ci vuole) e tormentati dall’essere nell’animo crudeli succhiasangue che desiderano pero’ affittare casette a schiera, girare di giorno andando persino a scuola, e guadagnarsi da vivere con un lavoro onesto. E mangiano: sangue sintentico, sangue animale, sangue di deceduti, passaggio alla banca del sangue, nulla nel peggiore dei casi. Ah, non dimentichiamo di buttarci un licantropo, ci sta sempre bene.

Ah, pare che con l’unica eccezione di Tom Cruise non esistano vampiri biondi, almeno non protagonisti biondi. E non esistono protagonisti femminili…

Mi mancano i vampiri di una volta…

Tagged . Bookmark the permalink.

7 Responses to Per favore, mordimi sul collo. Ma fallo con convinzione!

  1. Cialla says:

    Non è il mio genere, ma i protagonisti degli ultimi film non sono niente male :))

  2. sara says:

    Ciao Gaya,
    anche se non si tratta di un libro propriamente vampiresco, ti consiglio di leggere l’ultimo romanzo di quella che io considero la migliore scrittrice di noir/gialli in circolazione, ossia Fred Vargas. Il libro si intitola “Un luogo incerto” (ed. Einaudi).
    Come annuncia lei stessa nella quarta di copertina “… Poi avevo voglia di una storia di vampiri, una bella storia di vampiri, come quelle che si raccontano attorno al fuoco per sospendere l’ansia della vita. Avevo tredici anni quando ho letto Bram Stoker. Mi colpì molto. E mi sono interesssata al caso Plogojowitz, che aveva fatto molto scalpore nel diciottesimo secolo…”
    Io sono appassionatissima da sempre di libri gialli (tra parentesi, non amo molto questa definizione) e anche se non lo sono di storie vampiresche, questa digressione di genere (in realtà c’è sempre il mitico commissario Adamsberg) mi è piaciuta parecchio.

    Ciao
    Sara

  3. irene says:

    ti consiglio anch’io un libro “il 18° vampiro” di Claudio Vergnani, scrittore esordiente, pubblicato da gargoyle..
    la storia di ‘acchiappavampiri’ e vapiri che nulla hanno a che fare con quelli delle ultime serie tv o di twilight, insomma, alla vecchia e soprattutto ambientato nella nostra italia, principalmente a modena, con delle capatine nei dintorni, una fuga a venezia e una missione sull’appennino tosco emiliano….. da leggere!!

  4. Gaya says:

    Questo mi ispira proprio, grazie Irene. E anche Vargas, ne avevo già sentita una recensione entusiasta. Me li sono segnati entrambi, grazie ragazze.

  5. Kitiara says:

    Anche William il Sanguinario, in arte Spike, è biondo, anzi ossigenato… non solo il Lestat di Cruise.
    Come storie di vampiri non sono male quelle della Hamilton, con protagonista Anita Blake, qui almeno i vampiri danno la caccia agli umani, non bevono sangue di morti (ma una volta il sangue di cadavere non equivaleva al veleno per un vampiro?), insomma fanno i vampiri.
    Dopo aver letto tutta la saga di Twilight (e sperando che Edward riuscisse prima o poi a suicidarsi) e True Blood ho voglia di vampiri come si deve, vecchia maniera… che brucino al sole, siano cattivi e spaventosi!
    Kitiara
    PS: Angel è un bietolone! ;)

  6. Gaya says:

    Ah Kitiara (o meglio Kit?),
    non sai quanto ti dò ragione! Su Spike ho lungamente ponderato mentre scrivevo, come dicevi è platealmente ossigenato (in una puntata è sul castano prima di venir vampirizzato http://buffy.wikia.com/wiki/Spike) e cmq Spike è un vampiro con i controfiocchi (almeno finchè non lo rendono innocuo con il chip e non perde la trebisonda per Buffy, divenendo un bietolone come Angel…)
    La saga della Hamilton la cercherò, Twilight non so se reggerei a leggerli tutti, troppo love story adolescenziale per avere dei buoni vampiri. Invece True blood lo sto rivalutando nella serie tv per Eric… ossigenato ma tosto. Anche la storia dei capelli è contrastata: secondo alcuni tagliandoli ricrescono, altri tirano fuori pettinature diverse per ogni periodo.
    Lieta di trovare un’anima gemella in cerca di vampiri davvero vampireschi :)

  7. Pingback: Le borse di Gaya » Post Topic » anobii

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>