Preparandosi per Abilmente

Come tutte sapete a fine settimana c’è la fiera di Abilmente a Vicenza. E qui non si vede l’ora, anche perché siamo in 4 amiche e resteremo in albergo una notte in modo da goderci sia il giovedì che il venerdì.

Ma voglio segnalarvi un paio di novità carine di quest’edizione. Intanto pare che finalmente qualcuno dei negozianti si sia accorto che vietare le fotografie è inutile, mentre incentivarle con la richiesta di fagli pubblicità è un’idea vincente. Quindi il sito di Buttonmad invita proprio a fotografare il loro stand e a pubblicare le foto sui propri blog o profili di facebook. In palio per le foto che partecipano dei premi niente male. Sul loro blog trovate tutte le informazioni.

4.jpg

Anche la Aurifil ha deciso di sfruttare il web e la fiera per farsi pubblicità: passate su facebook a dare la vostra approvazione (pollice in su) alle pagine Aurifil, Filomania e Alex Veronelli e potrete ritirare un regalo in fiera.

Impronte d’autore poi offre sempre uno sconto, e una riduzione sull’ingresso alla fiera. Per averlo iscrivetevi al loro sito, un 5% non si butta mai via (soprattutto quando si punta ad acquistare una big shot. eh…)

201110150853.jpg

Se trovate altre offerte o sconti segnalatecelo!

Per Carol che mi chiedeva come organizzarsi se si va per la prima volta e si ha poco tempo a disposizione: dimenticatevi di seguire dei corsi, purtroppo prendono tempo e in una sola giornata si può solo visitare la fiera o fare i corsi. Comunque potete seguire delle dimostrazioni, studiatevi bene il programma per capitarci al momento giusto in modo anche da riposarvi un pochino. Meglio se vi portate un panino per pranzo, ci sono sia bar che punti self service ma fanno perdere tantissimo tempo (che invece si può sfruttare per ammirare i quilt appesi nelle zone mostra).

E poi ovviamente preparatevi in anticipo una lista di cose “necessarie” da cercare (la stoffa che manca per quel quilt, il numero di quel giornale che mi serviva, il nastrino da soutache per finire quel gioiello…) perché poi nella confusione ci si dimentica tutto e si torna a casa senza quell’unica cosa che avevamo usato come scusa per andarci ;)